Skip to content

IRLANDA

Destinazione Irlanda è la breve introduzione della Repubblica d’Irlanda, che è un paese sovrano sull’isola d’Irlanda. La seconda isola più grande delle isole britanniche si trova nella parte occidentale della Gran Bretagna.

Circa quattro quinti dell’Irlanda sono territorio della Repubblica d’Irlanda; il restante quinto si trova nella parte nord-est dell’isola e appartiene all’Irlanda del Nord, che fa parte del Regno Unito (storia antica).

Con una superficie di 70.273 km², la Repubblica d’Irlanda è un po’ più grande del doppio della Danimarca, o leggermente più grande dello stato americano del West Virginia.

La Repubblica d’Irlanda ha una popolazione di 5 milioni di persone (nel 2019), la capitale e città più grande è Dublino. Le lingue parlate sono l’irlandese (ufficiale) e l’inglese.

Profilo del paese

  • NOME UFFICIALE: Irlanda
  • FORMA DI GOVERNO: Democrazia Costituzionale
  • CAPITALE: Dublino
  • POPOLAZIONE: 5.068.050 milioni di persone
  • LINGUE UFFICIALI: Inglese e gaelico
  • MONETA: Euro
  • AREA: 26.592 miglia quadrate (68.890 chilometri quadrati)
  • GRANDI CATENE MONTUOSE: Macgillycuddy’s Reeks, Wicklow Mountains
  • PRINCIPALI FIUMI: Shannon, Liffey, Boyne, Moy, Barrow

Le province irlandesi

  • Leinster
  • Munster
  • Connacht
  • Ulster

Contea di Irlanda

  • Carlow
  • Cavan
  • Clare
  • Cork
  • Donegal
  • Dún Laoghaire-Rathdown
  • Fingal
  • Galway
  • Kerry
  • Kildare
  • Roscommon
  • Kilkenny
  • Laois
  • Leitrim
  • Limerick
  • Longford
  • Louth
  • Mayo
  • Meath
  • Monaghan
  • Offaly
  • Sligo
  • South Dublin
  • Tipperary
  • Waterford
  • Westmeath
  • Wexford
  • Wicklow
  • Cork
  • Dublino
  • Galway

Repubblica d’Irlanda

Un po’ di storia dell’Irlanda

Una fallita ribellione di Pasquetta del 1916 ha dato inizio a diversi anni di guerriglia che nel 1921 ha portato all’indipendenza dal Regno Unito per le 26 contee del sud; le sei contee del nord (Ulster) sono rimaste parte della Gran Bretagna.

Nel 1948, l’Irlanda si ritirò dal Commonwealth; nel 1973 entrò nella Comunità Europea. Il governo irlandese cerca la riunificazione pacifica dell’Irlanda e coopera con il Regno Unito per combattere le organizzazioni terroristiche. L’accordo di pace dell’Irlanda del Nord, ratificato nel 1998, è stato attuato l’anno successivo.

Siti ufficiali dell’Irlanda

Persone e cultura in Irlanda

L’Irlanda è una nazione di narratori. La tradizione risale ai bardi celtici, che registravano e recitavano la storia del paese. Molti scrittori famosi vengono dall’Irlanda, tra cui quattro vincitori del Premio Nobel per la letteratura. Gli irlandesi eccellono anche nella musica e nello sport.

Stagione Heuston, Dublino, Irlanda

Link di arte e cultura

Natura

Gli irlandesi hanno un grande affetto per la natura e la vita rurale. Nelle prime monete del paese c’erano anche immagini di animali. I bassi livelli di sviluppo e di inquinamento in Irlanda hanno lasciato relativamente indisturbati la maggior parte degli spazi aperti della nazione.

Lo sapevate che non ci sono serpenti selvatici in Irlanda? Il mare ha impedito a molti animali comuni dell’Europa continentale di raggiungere l’isola. Ci sono anche solo due specie di topo selvatico, un tipo di lucertola e solo tre tipi di anfibi.

Scogliere di Moher in Irlanda

La fauna selvatica irlandese è protetta da programmi di conservazione del governo. Per preservare l’habitat naturale, il governo ha istituito sei parchi nazionali e centinaia di aree del patrimonio nazionale in tutto il paese.

Link alla natura

Storia

Gli archeologi pensano che le prime persone ad insediarsi in Irlanda siano arrivate intorno al 6000 a.C. Nel 3500 a.C., i coloni utilizzavano strumenti di pietra per ripulire i terreni agricoli. Intorno al 700 a.C., una cultura diversa e tecnologicamente avanzata dell’Europa centrale, chiamata Celtica, iniziò a stabilirsi sull’isola. Ci avrebbero prosperato per quasi 2.000 anni.

Nel IX secolo d.C., gli invasori vichinghi iniziarono a fare incursioni in Irlanda. Stabilirono insediamenti che in seguito divennero alcune delle principali città del paese, compresa la capitale, Dublino. I Vichinghi e i Celti combatterono spesso per 200 anni, finché una battaglia nel 1014 unì il paese. La pace però si ruppe rapidamente, e l’Irlanda fu divisa in molti regni.

Galway city e il fiume Corrib, Irlanda

Nel 1170 i vichinghi normanni che avevano preso il controllo dell’Inghilterra invasero l’Irlanda e ne fecero un territorio inglese. All’inizio del 1600, la religione ufficiale dell’Inghilterra divenne protestante, mentre la maggior parte degli irlandesi rimase cattolica. Questo creerebbe tensioni che porterebbero alla rivoluzione e all’indipendenza dell’Irlanda.

Negli anni Venti del XIX secolo, le leggi britanniche ingiuste nei confronti dei cattolici avevano scatenato un movimento di massa per la sovranità irlandese. Nel 1829 molte di quelle leggi furono rovesciate, ma l’Irlanda voleva ancora la libertà. Nel 1922, dopo violente rivolte, fu creato lo Stato Libero Irlandese all’interno dell’Impero britannico.

Nel 1948, la maggior parte dell’Irlanda divenne un paese indipendente, mentre sei contee principalmente protestanti nel nord-est rimasero un territorio britannico.

Link alla storia

Governo e economia in Irlanda

Il governo dell’Irlanda è composto da un parlamento eletto, che fa le leggi, e da un presidente, che è capo dello stato. Il capo del governo è il Taoiseach (si pronuncia tee-shuck), che significa “capo”. Il Taoiseach è il leader del partito politico con il maggior numero di membri del parlamento.

Per la maggior parte della sua storia, l’economia irlandese si è basata sull’agricoltura. Ma dalla fine degli anni ’50, gli sforzi del governo per attirare le imprese hanno trasformato il paese da una delle nazioni più povere d’Europa a seconda più ricca. L’incredibile svolta ha fatto guadagnare all’Irlanda il soprannome di “Tigre Celtica”

Link sull’economia dell’Irlanda

Più paesi in Europa:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi