Skip to content

STORIA E SIGNIFICATO DELLA BANDIERA DI FRANCIA

Le tre strisce colorate in vertigine e della stessa dimensione sono la caratteristica principale della bandiera di Francia. Blu, bianco e rosso da sinistra a destra sono i colori che lo formano.

La bandiera della Francia è considerata una delle bandiere più influenti della storia. Durante la storia della Francia sono state usate diverse bandiere; questo movimento è stato influenzato dalle rivoluzioni e dai governi che la Francia ha avuto nel corso della storia. Oggi il suo design è in uso dal 1794.

Ci sono due forme di presentazione della bandiera di Francia. Il primo è presentato in blu chiaro, il secondo in blu scuro. L’utilità di queste tonalità non rappresenta nulla di speciale, anche se al giorno d’oggi la tonalità blu scuro è più utilizzata.

Origine della bandiera della Francia

La bandiera della Francia è nata ufficialmente alla fine della rivoluzione francese nel 1789. Alla fine di questo evento, la semplicità del design è stata enfatizzata per formare una rappresentazione dei cambiamenti radicali che la società del paese stava attraversando.

Il blu e il rosso sono colori che sono stati tradizionalmente associati ai rivoluzionari che hanno avuto origine a Parigi nella stessa città. Il colore bianco fu proposto dal Marchese de La Fayette.

I rivoluzionari francesi furono influenzati dalle bandiere tricolori bianche, rosse e blu dei Paesi Bassi dell’epoca, anche se le strisce erano orizzontali. Nel 1790, questi tre colori furono usati per la prima volta per rappresentare la marina francese.

Nel 1794, il tricolore divenne ufficialmente un simbolo ufficiale, rappresentando non solo la marina, ma anche l’esercito e il popolo. È quindi considerato un simbolo dei valori della rivoluzione francese, come la libertà, l’uguaglianza e la fraternità.

Storia della bandiera della Francia

Fin dal Medioevo, quando la presenza del Regno di Francia era già formale, il paese usava la bandiera di Saint Dennis, conosciuta come Oriflama, il suo vessillo principale. Era una bandiera regalata dal papa al conquistatore popolare Carlo Magno.

Oriflama

La bandiera rossa usata in battaglia dai guerrieri era una rappresentazione della protezione del monarca. Tuttavia, nel 1328 la bandiera ha ricevuto una delle più grandi modifiche nel suo viaggio attraverso la storia. Si cominciò a usare un fleur-de-lis, questo fiore è un simbolo francese che è ancora associato al paese gallico.

Stemma con fleur-de-lis del 1376

Dopo l’apparizione di Giovanna d’Arco, l’uso del bianco nella bandiera di Francia crebbe, poiché lo stendardo del popolare personaggio usava il colore bianco e divenne così un’ispirazione per i futuri stendardi delle battaglie francesi.

Dall’inizio del XIII all’inizio del XIX secolo, tutte le principali varianti della bandiera francese hanno mantenuto l’uso del fleur-de-lis. Anche se iniziò nel 1789, era principalmente un rappresentante della famiglia reale.

La bandiera tricolore

Durante la Rivoluzione francese, la bandiera francese tricolore fu usata come base per l’emblema personale rivoluzionario. Il rosso e il blu sono i colori principali di Parigi e appaiono sull’emblema nazionale.

L’uso di vari colori alla presa della Bastiglia nel 1789 non ha impedito la presentazione al re di Francia di una coccarda rossa e blu.

Coccarda tricolore della rivoluzione francese

Il bianco è stato incorporato nella bandiera per nazionalizzare il disegno. A partire da questa proposta, i membri delle milizie locali e della polizia che sostenevano la Rivoluzione cominciarono a usare questo tricolore come bandiera.

Il tricolore fu la prima bandiera a rappresentare la Prima Repubblica di Francia. Tuttavia, dopo la caduta di Napoleone Bonaparte, i Borboni sostituirono il tricolore di Francia con una bandiera tutta bianca, con diversi gigli sparsi.

Dopo la salita al potere di Luigi Filippo, dopo la partenza della Corona occupata in quel momento dai Borboni, la bandiera tricolore fu ristabilita come bandiera ufficiale. È documentato che da quel momento è la bandiera ufficiale della Francia.

Alterazioni popolari del 1848

Ci furono un paio di settimane durante il 1848 in cui la bandiera fu modificata a causa dei cambiamenti sociali. Molti cittadini chiesero che la bandiera fosse interamente rossa, come emblema comunista. Dopo questo evento l’ordine delle strisce della bandiera fu cambiato: il rosso prese il posto del blu e viceversa.

Tuttavia, questo cambiamento è stato invertito due settimane dopo e da allora non sono state fatte altre modifiche alla bandiera.

Significato della bandiera della Francia

La bandiera francese costruita in tre colori ha un grande significato simbolico in Europa. In effetti, alcune persone hanno ripetutamente proposto di cambiarlo, anche usando un solo colore. Questo problema significa la perdita dell’identità europea agli occhi di molti cittadini.

È noto che dopo la caduta dell’imperatore Napoleone III, fu offerto il trono a un nuovo re borbonico. Accettò a condizione che la bandiera tricolore fosse abolita, in modo da utilizzare nuovamente la bandiera bianca borbonica.

Questo fatto portò all’eliminazione della nozione di dover stabilire una monarchia, perché l’idea di eliminare una bandiera come simbolo nazionale era impossibile da accettare. Così la Francia rimase da allora una repubblica, sotto la bandiera tricolore.

Significato dei colori della bandiera francese

Come la maggior parte delle prime bandiere del mondo, i colori della bandiera francese non hanno alcun significato.

D’altra parte, il rosso e il blu portano un’associazione con Parigi, e nel corso della storia il colore bianco ha cominciato ad essere distinto come il colore dei Borboni. Il blu era una rappresentazione dei valori della Francia con la Rivoluzione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi