Skip to content

UNGHERIA

PROFILO DEL PAESE

  • NOME UFFICIALE: Magyarország
  • FORMA DI GOVERNO: Repubblica parlamentare
  • CAPITALE: Budapest
  • POPOLAZIONE: 9.709.891 milioni ab. (2021)
  • LINGUE UFFICIALI: Ungherese
  • MONETA: Fiorino ungherese
  • AREA: 93.030 km²

SITUAZIONE UNGHERIA

Situazione Ungheria

L’Ungheria si trova in Europa centrale, nel bacino dei Carpazi. È circondata dalle Alpi, dai Carpazi e dalle Alpi Dinariche. Si trova tra 16º 05′ e 22º 58′ di longitudine est e tra 45º 48′ e 48º 35′ di latitudine nord. Diversi fiumi scorrono dalle montagne circostanti verso la zona bassa della pianura.

L’Ungheria non ha sbocchi sul mare ed è circondata da una moltitudine di Stati confinanti: Slovacchia, Ucraina, Romania, Serbia, Croazia, Slovenia e Austria. L’Ungheria è per lo più pianeggiante, con alcuni terreni bassi nel nord.

Ponte delle Catene a Budapest (Ungheria)

Il fiume più importante è il Danubio (417 km in Ungheria), seguito dal Tibisco (597 km). Ci sono circa 1200 laghi naturali e artificiali. Il più importante è il Balaton.

La capitale, Budapest, è nata dall’unione delle città di Buda e Pest. Si trova a cavallo del Danubio ed è ricca di storia e cultura e rinomata per le sue terme.

Storia dell’Ungheria

Quella che oggi conosciamo come Ungheria faceva parte, prima della nostra epoca, della Dacia e della Pannonia. Si trattava di due province romane situate in posizione centrale, alla periferia dell’allora Impero Romano.

Nel II secolo furono tra le prime a essere invase da tribù germaniche. Le invasioni germaniche daranno inizio a una serie di lotte per il territorio, che vedranno protagonisti anche gli Unni con Attila e poi gli Avari. Da qui passarono anche i Moravi (popolo slavo) e persino Carlo Magno, che annesse il territorio ai suoi domini.

Con il passare del tempo, nel X secolo, la popolazione ungherese iniziò a convertirsi al cristianesimo. Così i legami con la Chiesa e il Papa cominciarono a rafforzarsi. In un’epoca in cui il paganesimo era completamente perseguitato e duramente punito con pene capitali.

Vista della città di Praga di notte
Vista della città di Praga di notte

Dall’XI secolo fino al XVI secolo, l’Ungheria iniziò a crescere in modo significativo. Le conquiste annettono al Paese numerosi territori, come la Moravia, la Boemia e la Slesia. L’impero era inarrestabile e si estendeva fino all’Austria.

Nel XVI secolo, i Turchi invasero gran parte del Paese, infliggendo un duro colpo alla stabilità ungherese. Si stabilirono a Budapest, l’attuale capitale, e vi rimasero fino a quando l’unione tra Ungheria e Spagna, attraverso la Casa d’Asburgo, riuscì a controllare la situazione e a intraprendere una riconquista.

Questa espulsione segnò l’inizio del grande Impero austro-ungarico che occupò il XVIII, il XIX e l’inizio del XX secolo.

Sebbene l’unione fosse vantaggiosa per alcuni, molti settori della popolazione erano completamente contrari. La lotta tra queste due parti creò una situazione di disordine generale nel Paese, con numerose ribellioni. Questi conflitti non servirono a nulla, perché dopo la grande sconfitta della Prussia, il Paese era ben legato all’Impero austro-ungarico.

Vista panoramica della splendida città di Budapest
Vista panoramica della splendida città di Budapest

Dopo la Prima Guerra Mondiale, l’Impero austro-ungarico si indebolì e i ribelli colsero l’occasione per dichiarare l’indipendenza e creare la Repubblica Socialista Ungherese.

La Seconda Guerra Mondiale pose l’Ungheria dalla parte dei perdenti. Ancora una volta, il territorio ungherese fu notevolmente ridotto, dopodiché fu invaso dai russi e dal loro comunismo.

Poi arrivò la morte di Stalin e il famoso Patto di Varsavia, un patto opposto alla NATO. Tuttavia, la fine dell’URSS nel 1991 ha avvicinato irrimediabilmente il Paese al resto dell’Europa.

Oggi l’Ungheria è uno dei membri più giovani dell’Unione Europea e la sua costruzione è stata modificata per l’ultima volta nel 1989.

Il governo in Ungheria

La Legge fondamentale afferma che l’Ungheria è uno Stato indipendente e democratico governato dallo Stato di diritto. L’Ungheria è una repubblica e la sua forma di governo è una repubblica parlamentare. Il governo è responsabile nei confronti dell’Assemblea nazionale e governa il Paese con la fiducia della maggioranza. Il potere legislativo è affidato all’Assemblea nazionale, composta da 199 membri in un’unica camera.

Parlamento ungherese a Budapest
Parlamento ungherese a Budapest

L’Assemblea nazionale siede nel Palazzo del Parlamento di Budapest, sulle rive del Danubio. Prima del 2014 il sistema elettorale ungherese era uno dei più complicati d’Europa. Questo sistema è stato riformato dalla legge CCII del 2011 sull’elezione dei membri dell’Assemblea nazionale e le sue disposizioni sono state applicate per la prima volta durante le elezioni generali del 2014. Quella primavera, quasi 8 milioni di cittadini hanno eletto 199 membri del Parlamento per un mandato di quattro anni, votando direttamente a scrutinio segreto sulla base del suffragio universale e paritario.

Cultura in Ungheria

La diversità etnica dell’Ungheria, dai magiari alle influenze delle minoranze romane, germaniche, slovacche, croate, serbe e rumene, ha dato vita a una ricca cultura. Un tempo parte dell’Impero austro-ungarico, l’Ungheria ha molte tradizioni popolari che si riflettono nei ricami, nelle ceramiche, nell’architettura e nella scultura.

Il Paese vanta una ricca tradizione di musica popolare e classica con compositori di spicco come Franz Liszt, Béla Bartók e Zoltán Kodály. L’Ungheria è famosa per l’eccellente livello di istruzione matematica che ha prodotto numerosi scienziati di spicco.

Tra i matematici ungheresi famosi si annoverano Paul Erdős, noto per aver pubblicato in oltre quaranta lingue e i cui numeri sono tuttora applicati; János (John) Bolyai, ideatore della geometria non euclidea, o assoluta, nel 1831; e John von Neumann, pioniere dell’informatica digitale.

Numerose invenzioni importanti sono state create da ungheresi. Tra queste: i fiammiferi silenziosi (János Irinyi), il cubo di Rubik (Ernő Rubik) e la lampadina Krypton. Altre sono: l’olografia (Dennis Gabor), la biro (Lásló Bíró), la teoria della bomba a idrogeno (Edward Teller) e il linguaggio di programmazione BASIC.

Natura in Ungheria

In Ungheria ci sono tre tipi di luoghi molto interessanti da esplorare, da un lato i parchi nazionali, un elemento molto importante del Paese, con una mezza dozzina di aree protette, poi ci sono le riserve naturali e infine i parchi naturali.

Prima di iniziare la visita dei parchi nazionali ungheresi, è doveroso menzionare il lago Balaton, una delle mete preferite dagli ungheresi per le vacanze e uno degli ambienti più mozzafiato di tutta l’Europa centrale.

Lago Balaton in Ungheria
Lago Balaton in Ungheria

Il Parco nazionale di Aggtelek, un parco al confine tra Ungheria e Slovacchia, è un’area montuosa di rocce calcaree con grotte. Fa parte dell’UNESCO, che l’ha inserito nella lista dei siti Patrimonio dell’Umanità. Questo Parco Nazionale è molto popolare sia per la sua bellezza che per le sue grotte, tra cui la grotta di Baradla, la più grande del Paese.

Poi possiamo scoprire anche il Parco Nazionale di Bukk o Bükk, che si trova sulle montagne omonime. Anche qui ci sono numerose grotte e luoghi interessanti da visitare. Qui si trova la cascata di Fatyol, uno dei luoghi più impressionanti della zona, che copre un’area di oltre 40.000 ettari.

Il Parco Nazionale Duna Ipoly è fantastico per gli amanti degli uccelli e del birdwatching interessati all’ornitologia, che possono recarsi nelle zone paludose e ammirare i nidi di diversi uccelli come garzette, aironi e picchi. Anche le valli del Danubio, il fiume Ipoly e le montagne di Visegrád sono di particolare interesse in questa zona. Un altro parco nazionale ideale per gli amanti del birdwatching è il Parco Nazionale Fertő-Hanság.

Più paesi in Europa