Skip to content

SLOVACCHIA

Destinazione Slovacchia, una guida virtuale alla Repubblica Slovacca, un paese montuoso senza sbocco sul mare nell’Europa centrale che confina con l’Austria e la Repubblica Ceca a ovest, con l’Ungheria a sud, con la Polonia a nord e con l’Ucraina a est.

Precedentemente parte della Cecoslovacchia, era conosciuta come Repubblica Socialista Slovacca dal 1969 al 1990. Nel 1993, la Repubblica Slovacca è diventata uno stato sovrano indipendente.

Il paese copre una superficie di 49.035 km², il che lo rende un po’ più grande della metà del Portogallo o circa il doppio dello stato americano del New Hampshire.

La Slovacchia ha una popolazione di 5,4 milioni di persone (nel 2015), la capitale e città più grande della Slovacchia è Bratislava. Le lingue parlate sono lo slovacco (ufficiale) e l’ungherese.

Profilo del paese

  • NOME UFFICIALE: Repubblica Slovacca
  • FORMA DI GOVERNO: Repubblica Parlamentare
  • CAPITALE: Bratislava
  • POPOLAZIONE: 5.435.343 milioni di persone
  • LINGUE UFFICIALI: Slovacco
  • MONETA: Euro
  • AREA: 18.932 miglia quadrate (49.035 chilometri quadrati)

Situazione Slovacchia


Regioni o province in Slovacchia

  • Bratislava
  • Košice
  • Prešov
  • Žilina
  • Nitra
  • Banská Bystrica
  • Trenčín
  • Trnava

Le città più importanti della Slovacchia

  • Bratislava
  • Kosice
  • Nitra
  • Zilina

Repubblica della Slovacchia

Un po’ di storia della Repubblica della Slovacchia

Precedentemente parte dell’AustriaUngheria, gli slovacchi si unirono alle regioni strettamente collegate della Boemia e della vicina Moravia per formare la Cecoslovacchia nel 1918.

Nel caos della seconda guerra mondiale la Slovacchia divenne una repubblica separata nel 1938, strettamente controllata dalla Germania. Dopo la seconda guerra mondiale nel 1945 con il Patto di Varsavia la Cecoslovacchia è diventata uno stato comunista all’interno di un’Europa orientale governata dai sovietici. Con il crollo dell’influenza sovietica nel 1989 la Cecoslovacchia è diventata uno stato sovrano.

Fattori storici, politici e geografici hanno fatto sì che la Slovacchia abbia incontrato più difficoltà di alcuni dei suoi vicini dell’Europa centrale nello sviluppo da un’economia pianificata a una moderna economia di mercato.

Nel 1993 gli slovacchi e i cechi hanno accettato di separarsi pacificamente. Nel 2004 la Slovacchia è diventata membro dell’Unione Europea e della NATO.

Siti ufficiali della Slovacchia

Persone e cultura in Slovacchia

La Slovacchia è forse uno dei paesi meno conosciuti dell’Europa orientale e anche uno dei più piccoli. Solo qualcosa di più grande dell’Olanda o della Svizzera. Sulla mappa, la sua fisionomia stretta e la sua posizione lontana dai percorsi più turistici la rende spesso trascurata. Mentre di solito si presta maggiore attenzione ad altre nazioni vicine più rinomate come la Polonia, la Repubblica Ceca, l’Austria o l’Ungheria.

Scuola di ingegneria a Bratislava presso il Danubio, Slovacchia

Gli spagnoli sono noti per il loro amore per la vita e per mangiare e bere con la famiglia e gli amici. Gli antipasti tradizionali come le tapas o i pintxos, l’equivalente dei Paesi Baschi, sono popolari. I balli regionali e la musica sono importanti quasi quanto il calcio e le feste religiose.

Tuttavia, questo piccolo pezzo di vecchia Europa, situato tra il possente Danubio e gli splendidi Carpazi è, senza dubbio, uno dei territori più belli del continente.

La bellezza della Slovacchia non è graniloquente, è piuttosto modesta e tranquilla. Ecco perché la Slovacchia dovrebbe essere esplorata in pace. Passeggiate per la piacevole capitale Bratislava, godetevi i suoi bellissimi parchi nazionali o visitate l’autenticità delle sue zone rurali. Qui si possono trovare piccole città con un fascino unico come Banská ‘tiavnica.

Link di arte e cultura

Natura

La natura in Slovacchia è così traboccante che il colore verde prevale sul grigio delle città quando guardiamo il paese dal satellite.

La Slovacchia è ancora la riserva o quasi un’oasi di alcuni animali che secoli fa popolavano l’intero continente. Lince, lupi, orsi, lupi, cavalli selvaggi, castori o anche bisonti abitano diversi parchi naturali del paese, come il Parco Nazionale di Poloniny, al confine della Slovacchia con l’Ucraina e la Polonia. Le foreste con alberi che hanno già centinaia di anni fanno della Slovacchia un polmone naturale per la vecchia Europa.

Parco Nazionale degli Alti Tatra, Slovacchia

La Slovacchia ha nove parchi nazionali: Alto Tatra, Nizke Tatry, Mala Fatra, Slovensky raj, Pieniny, Poloniny, Veľká Fatra, Slovenský kras e Muranska planina.

Il suolo carsico della Slovacchia è perforato da migliaia di grotte (oltre 6.200 contate), alcune delle quali tra le più belle e sorprendenti d’Europa.

Link alla natura

Storia

Come altri Stati dell’Europa centrale, il secolo scorso è stato movimentato per la Slovacchia.
All’inizio del XX secolo faceva parte dell’Impero austro-ungarico, una delle grandi potenze mondiali dell’epoca.

Ma dopo la sconfitta degli austro-ungarici nella prima guerra mondiale, l’impero si disintegrò in diversi Stati. La Slovacchia, infatti, insieme alla Boemia e alla Moravia, ha formato un nuovo Paese: la Cecoslovacchia.

Nel 1939 la Germania di Hitler invase le regioni ceche, mentre il governo slovacco si posizionò a fianco dei nazisti. Non senza i disaccordi interni che si concretizzarono nella rivolta nazionale slovacca contro i tedeschi nell’estate del 1944. Questo è un simbolo in questo paese e ha anche un interessante museo nella città di Banská Bystrica. Dopo la fine della guerra, la Cecoslovacchia è rimasta unita e nell’orbita dell’URSS.

Centro storico di Bratislava, Slovacchia

Dopo la caduta del muro di Berlino e il crollo del blocco comunista, diversi paesi sono diventati indipendenti e sono stati smembrati.

La scomparsa dell’ex Cecoslovacchia e la nascita della Repubblica Ceca e della Slovacchia sono avvenute a seguito di un accordo bilaterale e in modo pacifico nel 1993. Questo è stato un vero esempio all’inizio del turbolento decennio degli anni Novanta, quando si sono verificati la guerra nei Balcani e vari conflitti nelle ex repubbliche sovietiche.

Link alla storia

Il governo e l’economia in Slovacchia

La Slovacchia è una repubblica parlamentare democratica con un capo di governo – il primo ministro – che detiene la maggior parte del potere esecutivo, e un capo di Stato – il presidente – che è il capo ufficiale dell’esecutivo, ma con poteri molto limitati. Il paese è diviso in 8 regioni, ognuna delle quali prende il nome dalla sua città principale. Dal 2002 godono di una certa autonomia.

I settori più importanti dell’economia slovacca nel 2016 sono stati l’industria (27,3%), il commercio all’ingrosso e al dettaglio, i trasporti, gli alberghi e i ristoranti (21,6%) e la pubblica amministrazione, la difesa, l’istruzione, la sanità e i servizi sociali (13,4%).

Il commercio intra-UE rappresenta l’85% delle esportazioni della Slovacchia (Germania 22%, Repubblica Ceca 12% e Polonia 8%), mentre il commercio extra-UE va verso gli Stati Uniti, la Russia e la Cina del 2% ciascuno.

Per quanto riguarda le importazioni, l’80% proviene dagli Stati membri dell’UE (Germania 20%, Repubblica Ceca 17% e Austria 10%), mentre quelle extra UE provengono dalla Corea del Sud (5%) e dalla Russia (4%).

Link Economia della Slovacchia

Più paesi in Europa:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi