Skip to content

AUSTRIA

L’Austria, ufficialmente la Repubblica d’Austria, è un paese senza sbocco sul mare nell’Europa centrale orientale che confina con la Repubblica Ceca, la Germania, l’Ungheria, l’Italia, il Liechtenstein, la Slovacchia, la Slovenia e la Svizzera.

Il paese copre una superficie di 83.871 km², rendendo l’Austria un po’ più piccola del Portogallo (92.090 km²), o leggermente più piccola dello stato americano del Maine.

Il paese è principalmente dominato a ovest e a sud dalle montagne (le Alpi). Il punto più alto dell’Austria è il monte Grossglockner, con un’altezza di 3.798 m (12.460 piedi).

I principali fiumi nel nord del bacino alpino austriaco sono l’Inn, il Salzach e l’Enns, che sono affluenti del Danubio. I fiumi del sud del bacino sono il Gail e il Dlau in Carinzia, così come il Mürz e il Mur.

L’Austria ha una popolazione di quasi 8,7 milioni di persone (nel 2020), la capitale e città più grande è Vienna, con una popolazione di 1,8 milioni di persone. La lingua parlata è il tedesco austriaco (ufficiale), le lingue regionali parlate sono il croato, l’ungherese e lo sloveno.

Profilo del paese

  • NOME UFFICIALE: Repubblica Federale d’Austria
  • FORMA DI GOVERNO: Democrazia parlamentare
  • CAPITALE: Vienna
  • POPOLAZIONE: 8.859.835 milioni di persone
  • LINGUE UFFICIALI: Tedesco
  • MONETA: Euro
  • AREA: 32.383 miglia quadrate (83.871 chilometri quadrati)

Repubblica Federale d’Austria

Un po’ di storia della Repubblica d’Austria

L’Austria era il centro del potere del Grande Impero Austro-Ungarico, ma fu ridotta a una piccola repubblica dopo essere stata sconfitta nella prima guerra mondiale. Nel 1938, la Germania nazista l’ha annessa e successivamente è stata occupata dagli alleati vittoriosi.

Il trattato di stato dell’Austria del 1955 ha dichiarato il paese “permanentemente neutrale” come condizione per il ritiro militare sovietico.

La neutralità, una volta radicata come parte dell’identità culturale austriaca, è stata messa in discussione dopo il crollo sovietico del 1991 e il ruolo sempre più importante dell’Austria negli affari europei.

L’Austria ha aderito all’Unione europea nel 1995 e al sistema monetario dell’euro nel 1999.

Siti ufficiali di Austria

Stati federati dell’Austria

  • Burgenland
  • Carinzia
  • Bassa Austria
  • Alta Austria
  • Salisburghese
  • Stiria
  • Tirolo
  • Vorarlberg
  • Vienna
STATO CAPITALE Superficie in km² Popolazione
Burgenland Eisenstadt 3.966 287.416
Carintia Klagenfurt 9.536 555.881
Bassa Austria Sankt Pölten 19.174 1.625.485
Alta Austria Linz 11.980 1.425.422
Salisburghese Salisburgo 7.154 534.270
Stiria Graz 16.392 1.215.246
Tirolo Innsbruck 12.648 722.038
Vorarlberg Bregenz 2.601 375.282
Vienna Vienna 414 1.766.746

Persone e cultura in Austria

L’Austria ha una cultura abbondante, un ricco patrimonio di opere d’arte tra cui sculture in legno, arazzi Gobelin, intagli a mano e cassapanche dipinte a mano, ferro battuto complesso e altre ferramenta, vetrate, porcellane Augarten a Vienna, pizzi e lavori in pelle. L’intaglio del legno e la scultura sono da tempo popolari tra gli abitanti delle valli alpine.

L’Austria è anche conosciuta come la terra della musica e ha visto la nascita di molti musicisti e compositori come Wolfgang Amadeus Mozart, Anton Bruckner, Joseph Haydn … la lista potrebbe continuare all’infinito. La capitale, Vienna, ha due opere famose, la Volksoper (Opera popolare), inaugurata nel 1904, e l’Opera di Stato di Vienna, completata nel 1869, e i commenti sulla sua bella architettura e le sue belle rappresentazioni si estendono in lungo e in largo.

Palazzo Mirabell, Salisburghese, Austria

Link di arte e cultura

Natura

Nelle zone meno elevate dell’Austria, si trovano soprattutto piante che includono alberi decidui come faggio, quercia e betulla, mentre nelle zone più alte, c’è una breve stagione in cui fioriscono piante alpine come la stella alpina, la genziana, la primula, il ranuncolo e l’aconito, creando una fragranza di bellezza. L’Austria non ha una ricca fauna selvatica, tuttavia si possono ancora trovare alcuni camosci, cervi e marmotte.

Hallstatt sul lago Hallstatter, Alpi austriache

Link alla natura

Storia

L’attuale territorio austriaco ha una storia millenaria in termini di civiltà. In epoca preistorica le terre d’Austria erano popolate da diverse tribù di origine celtica, prima i cosiddetti Illiri e poi le tribù celtiche del nord. Gli Illiri sono arrivati dall’Epiro alle coste del Mar Baltico, dall’attuale Svizzera alla Polonia. Anche se andarono in giro in molti luoghi, fu nell’Alta Austria che si svilupparono maggiormente, tra la fine dell’età del bronzo e la prima metà dell’età del ferro. Erano impegnati nella pirateria e furono combattuti e sconfitti dai Romani.

Furono i Romani a rivendicare il regno celtico del Norico, trasformandolo in provincia a partire dal 15 a.C. C’è una teoria secondo la quale i romani latinizzarono come Noricum un antico nome celtico, Norig (non come “orientale”) ed è da qui che deriva l’attuale nome Austria/Osterreich. Quando l’Impero Romano cominciò a declinare le tribù barbariche, Goti, Unni, Vandali e Longobardi cominciarono ad attraversare i confini e quando finalmente cadde l’area si riempì di Avari, Slavi e Bavaresi.

Cattedrale di Salisburgo, Austria

Con il passare dei secoli, i bavaresi cominciarono a scendere il Danubio e a risalire le Alpi e fu in questo processo che l’Austria divenne una terra di lingua tedesca. I Carolingi li dominavano, formando un ducato del Sacro Romano Impero Germanico e fu nel Medioevo l’Impero Carolingio ad occupare la regione. Prima salirono al potere i Babenberg, poi gli Asburgo che rimasero con lui per lunghi secoli, fino alla fine della prima guerra mondiale.

Link alla storia

Economia dell’Austria

L’economia austriaca si basa principalmente su imprese private e pubbliche. La maggior parte delle industrie, tra cui la produzione e la raffinazione del petrolio, le grandi banche commerciali, le principali compagnie di trasporto aereo e marittimo, le attrezzature ferroviarie, i macchinari e gli apparecchi elettrici, l’industria mineraria, il ferro, l’acciaio, la produzione di prodotti chimici e la produzione di gas naturale e di energia elettrica sono state nazionalizzate nel 1946. Tuttavia, alla fine degli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90, molte di queste società hanno visto una riduzione del controllo governativo a causa della vendita di azioni a investitori privati. Nel corso degli anni l’Austria ha mantenuto stretti legami con i paesi dell’Europa orientale. Dal crollo del comunismo in quei paesi alla fine degli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90, più di 1.000 aziende occidentali hanno scelto l’Austria come base per nuove operazioni nell’Europa orientale. Nel 1999, il bilancio nazionale annuale stimato include entrate per 78,2 miliardi di dollari e spese per 84,5 miliardi di dollari. Il prodotto interno lordo (PIL) è stato di 188,5 miliardi di dollari nel 2001.

Link economici austriaci

Più paesi in Europa:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi