Skip to content

SLOVENIA

Una guida virtuale della Slovenia, un piccolo paese nel sud-est dell’Europa a sud dell’Austria. Ex repubblica costituente della Jugoslavia, confina anche con la Croazia, l’Ungheria e l’Italia. Il paese è quasi senza sbocco sul mare, ha una breve (46 km) linea costiera sul mare Adriatico tra l’Italia e la Croazia.

La Slovenia occupa una superficie di 20.273 km², che è circa la metà della Svizzera o leggermente più piccola dello stato americano del New Jersey.

Il paese ha una popolazione di 2.064.000 persone (nel 2016). La città più grande e capitale è Lubiana con circa 278.000 residenti (nel 2015). Le lingue parlate sono lo sloveno (ufficiale; 91%) e il serbo-croato (4,5%). La religione principale è il cristianesimo (circa il 60%).

Profilo del paese

  • NOME UFFICIALE: Repubblica di Slovenia
  • FORMA DI GOVERNO: Repubblica Parlamentare
  • CAPITALE: Liubliana
  • POPOLAZIONE: 2.083.037 milioni di persone
  • LINGUE UFFICIALI: Sloveno
  • MONETA: Euro
  • AREA: 7.827 miglia quadrate (20.273 chilometri quadrati)

REPUBBLICA DE LA SLOVENIA

Un po’ di storia della Repubblica di Slovenia

La Slovenia è un paese dell’Europa centro-meridionale, questo paese si estende tra il mare Adriatico e le Alpi. Sloveni, serbi e croati si unirono nel 2018 per formare una nuova nazione chiamata Regno di Sloveni, Croati e Serbi, che fu rinominata Jugoslavia nel 1929.

La Slovenia divenne una repubblica della nuova Jugoslavia dopo la seconda guerra mondiale. Molto scontenti dell’attività del potere a maggioranza serba, gli sloveni hanno ottenuto l’indipendenza nel 1991. Da allora, la Slovenia si è ritagliata con successo una nicchia nella comunità internazionale e sta diventando un membro a pieno titolo dell’Unione europea e parte dell’OTA.

Siti ufficiali della Slovenia

Regioni della Slovenia

  • Alta Carniola
  • Carniola Interna-Carso
  • Carinzia
  • Goriziano
  • Litorale-Carso
  • Oltredrava
  • Murania
  • Oltresava Inferiore
  • Savinia
  • Slovenia Centrale
  • Slovenia Sudorientale
  • Sava Centrale

17 distretti in Lubiana

  • Bežigrad
  • Centro
  • Črnuče
  • Dravlje
  • Golovec
  • Trnovo
  • Jarše
  • Moste
  • Polje
  • Posavje
  • Rožnik
  • Vič
  • Rudnik
  • Sostro
  • Šentvid
  • Šiška
  • Šmarna Gor

Persone e cultura in Slovenia

In Slovenia la cultura ha un significato speciale al di là delle sue connotazioni storiche e sociali. Le tradizioni e la lingua comune sono ciò che danno identità a questa nazione che è riuscita a mantenere intatta la sua essenza fino ad oggi.

L’8 febbraio, in coincidenza con la data della morte di France Prešeren, il famoso poeta sloveno, il Paese celebra la Giornata della cultura slovena. In onore di questo personaggio sono stati creati i premi più prestigiosi della Slovenia, che ogni anno vengono assegnati in riconoscimento dei più importanti risultati nel campo della cultura, e la sua poesia Zdravljica è l’inno nazionale.

Vista panoramica di Tolmin, Slovenia nordoccidentale

Il fatto che la Slovenia sia in testa ai paesi europei con il maggior numero di libri stampati conferma l’importanza della lettura nella cultura slovena. Questo è stato riconosciuto nel 2010 quando l’UNESCO ha nominato la città di Lubiana Capitale Mondiale del Libro.

Le principali città slovene hanno un’ampia offerta culturale nei settori dell’arte, della musica, del teatro e della danza. Il divertimento è garantito qualunque sia la predilezione. La Slovenia dispone di 45 gallerie d’arte e di oltre 800 spazi con mostre permanenti o temporanee. L’impressionismo nella pittura slovena della prima metà del XX secolo era conosciuto in tutta Europa e dopo la seconda guerra mondiale la Scuola di arti grafiche di Lubiana si è affermata.

Link di arte e cultura

Natura

La Slovenia è il terzo paese più ricco di foreste in Europa. Oltre il 60% della sua superficie è coperta da foreste, e questa percentuale è in costante aumento – ogni anno vi vengono piantati fino a 1,2 milioni di alberi. Il tiglio e le sue foglie sono simboli dell’identità slovena.

La Slovenia è uno dei paesi più ricchi d’acqua d’Europa. I suoi fiumi, torrenti e altri corsi d’acqua sono lunghi quasi 30.000 km. Qui c’è un sacco di acqua cristallina nel sottosuolo, e a 1000 metri sotto terra ci sono quasi 100 sorgenti termali e minerali.

Vista panoramica di Tolmin, Slovenia nordoccidentale

A soli 60 chilometri dalla capitale Lubiana si trovano foreste vergini. A Kočevsk, le visite guidate e i safari fotografici vi portano direttamente nel cuore della natura. La Slovenia ha una delle più grandi popolazioni di orsi bruni d’Europa, con circa 700 orsi bruni che si aggirano nelle foreste.

Il concetto dell’orso deriva dal nome della regione di confine della Slovenia. Nella grotta turistica più visitata d’Europa, la Grotta di Stopojna, l’evento più famoso dell’ultimo decennio è stata la nascita dei “draghi d’acqua” nel 2016, l’unica salamandra che vive in una grotta.

Il lago di Bled e Bohinj sono i laghi più famosi della Slovenia, ma la storia più misteriosa è legata al lago Cerknickie. Questo serbatoio d’acqua che si prosciuga periodicamente è stato per secoli un mistero per la popolazione locale. In primavera e in autunno è il più grande lago della Slovenia, mentre in estate scompare quando le sue acque svaniscono nel terreno.

Link natura e ambiente

Storia

Fino al XX secolo, l’area della Slovenia è stata sotto il dominio degli stranieri, soprattutto degli Asburgo e più tardi della Monarchia austro-ungarica. Durante questo periodo gli sloveni, nonostante l’oppressione e le insistenti pressioni per l’assimilazione, si svilupparono come nazione e formarono una propria identità. Dopo la prima guerra mondiale, la Slovenia entrò a far parte del Regno di Jugoslavia, e dopo la seconda guerra mondiale entrò a far parte della Repubblica Federale Socialista di Jugoslavia. Dopo più di settant’anni di convivenza, è stato creato tra gli sloveni l’accordo per un percorso indipendente. Nel plebiscito del 1990 è stata proclamata l’indipendenza con quasi il 90% dei voti. Nel 2004 la Slovenia è entrata a far parte dell’Unione Europea ed è diventata membro della NATO.

Piazza principale di Kranj, Slovenia

Link di storia

Il governo in Slovenia

Nell’aprile del 1990 la Slovenia è stata la prima Repubblica jugoslava a tenere libere elezioni. Demos, una coalizione di sette partiti dell’opposizione, ha vinto il 55% dei voti, e Kučan, capo del partito del Rinnovamento Democratico, è stato eletto presidente.

Il Parlamento sloveno ha adottato una “Dichiarazione sulla sovranità dello Stato sloveno”. Da quel momento in poi la stessa Costituzione slovena avrebbe governato il suo sistema politico, economico e giudiziario; le leggi federali si sarebbero applicate solo se non fossero state in contraddizione con essa.

Il 23 dicembre 1990, l’88,5% dell’elettorato sloveno ha votato per una repubblica indipendente, con effetto entro sei mesi. La Presidenza della Federazione Jugoslava a Belgrado ha descritto il provvedimento come separatista e incostituzionale. La Serbia ha preso il controllo del sistema monetario jugoslavo e ha sottratto quasi tutta l’emissione monetaria prevista per la Jugoslavia nel 1991: 2 miliardi di dollari.

Prendendo atto di quanto accaduto, il governo sloveno ha iniziato a conservare le armi, e il 25 giugno 1991 la Slovenia ha lasciato definitivamente la Federazione Jugoslava. “Questi sogni notturni sono permessi”, ha detto il presidente Kučan a una folla esultante al Kongresni trg di Lubiana la notte successiva. “Domani è un nuovo giorno”.

Economia della Slovenia

La Jugoslavia socialista ha mantenuto un modello economico e sociale diverso da quello che l’URSS stava cercando di espandere. Il modello sovietico è penetrato in quei paesi nella sua orbita dopo la fine della seconda guerra mondiale. Ma la Jugoslavia ha optato per il cosiddetto socialismo autogestito. Allo stesso tempo, è rimasto neutrale nel confronto tra i blocchi. Infatti, è stato uno dei promotori del Movimento dei Non Allineati, una sorta di terza via in un contesto di guerra fredda tra le due superpotenze: Gli Stati Uniti e l’URSS.

All’interno della Jugoslavia c’erano differenze tra i partiti che costituivano l’insieme. La Slovenia è stata la più sviluppata economicamente e la più industrializzata. La differenza, al momento della creazione del nuovo Stato jugoslavo, tra la regione più ricca, la Slovenia, e quella più povera, il Kosovo, era di 3 a 1.

Link Economia della Slovenia

Più paesi in Europa:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi