Skip to content

ESTONIA

Destinazione Estonia, una guida virtuale del paese baltico sulla costa meridionale del Golfo di Finlandia, un braccio del Mar Baltico. Il paese dell’Europa orientale confina con la Lettonia e la Russia e condivide le frontiere marittime con la Finlandia e la Svezia.

L’ex repubblica sovietica è diventata indipendente nel 1991. Con una superficie di 45.227 km² il paese è poco più grande della Danimarca o poco più piccolo degli stati americani del New Hampshire e del Vermont messi insieme.

L’Estonia ha una popolazione di 1,3 milioni di persone (nel 2019). La capitale e la città più grande è Tallinn, le lingue parlate sono l’estone (una lingua finnica; ufficiale), il russo e un po’ di svedese e finlandese.

Profilo del paese

  • NOME UFFICIALE: Repubblica d’Estonia
  • FORMA DI GOVERNO: Repubblica Parlamentare
  • CAPITALE: Tallinn
  • POPOLAZIONE: 1.324.820 milioni di persone
  • LINGUE UFFICIALI: Estone
  • MONETA: Euro
  • AREA: 17.463 miglia quadrate (45.228 chilometri quadrati)

Le contee dell’Estonia

  • Harjumaa
  • Hiiumaa
  • Ida-Virumaa
  • Järvamaa
  • Jõgevamaa
  • Läänemaa
  • Lääne-Virumaa
  • Pärnumaa
  • Põlvamaa
  • Raplamaa
  • Saaremaa
  • Tartumaa
  • Valgamaa
  • Viljandimaa
  • Võrumaa

Città principali di Estonia

  • Tallinn
  • Kärdla
  • Jõhvi
  • Paide
  • Jõgeva
  • Haapsalu
  • Rakvere
  • Pärnu
  • Põlva
  • Rapla
  • Kuressaare
  • Tartu
  • Valga
  • Viljandi
  • Võru

Repubblica d’Estonia

Un po’ di storia estone

Paese dell’Europa orientale che si affaccia sul Mar Baltico e sul Golfo di Finlandia, tra la Lettonia e la Russia.

Come risultato di secoli di dominio danese, svedese, tedesco e russo, l’idea di uno stato estone indipendente era già stata sollevata alla fine del XIX secolo e divenne realtà nel 1918 quando l’Estonia ottenne l’indipendenza dall’Impero russo. Incorporata con la forza nell’URSS nel 1940, ha riconquistato la sua libertà nel 1991, con il crollo dell’Unione Sovietica. Da quando le ultime truppe russe se ne sono andate nel 1994, l’Estonia è libera di promuovere legami economici e politici con l’Europa occidentale. Dall’aprile 2004 l’Estonia è membro della NATO e membro dell’Unione Europea dal maggio 2004.

Siti ufficiali di Estonia

Persone e cultura in Estonia

Poiché l’Estonia si trova lungo il confine tra l’Europa occidentale e orientale, guardando a ovest, attraverso il Baltico, verso la Svezia, e a est, attraverso il lago Peipus, fino alla Russia, è stata a lungo influenzata da entrambe queste tradizioni culturali. Tradizionalmente, l’Estonia settentrionale, specialmente Tallinn, è stata più aperta alle influenze esterne (tra cui il cristianesimo germanico, la Riforma e la Russificazione) che l’Estonia meridionale, che è stata più insulare e provinciale.

Torre di Herman nella fortezza di Narva, Estonia

La rinascita nazionalista estone del XIX secolo ha contribuito a colmare questa lacuna per creare una cultura nazionale che per lungo tempo ha avuto come comune denominatore il patrimonio agricolo del paese. Al centro di tale patrimonio c’era l’abitazione del fienile, una fattoria polivalente che non ha un vero e proprio equivalente in altri paesi (ad eccezione della Lettonia settentrionale). Le famiglie di contadini estoni vivevano e lavoravano in questi edifici, che in genere comprendevano gli alloggi, un’aia (per l’essiccazione del grano), un’area di trebbiatura/lavoro e, a volte, recinti per animali.

La portata e l’importanza della letteratura estone sono costantemente aumentate dal periodo del risveglio nazionale nel XIX secolo. Aperta alle influenze culturali e letterarie dell’Europa occidentale, la letteratura estone ha sviluppato una diversità di stili, che vanno dal neoclassicismo alla sperimentazione audace. Nel XX secolo, gli scrittori estoni hanno rappresentato tre epoche diverse: Anton Hansen Tammsaare è stato il romanziere di punta dell’ex Repubblica di Estonia (1920-40); Jaan Kross ha scritto in stile allegorico durante il periodo dell’occupazione sovietica; e Tõnu Õnnepalu, la cui opera si inserisce comodamente nel più ampio contesto europeo, è stata riconosciuta a livello internazionale negli anni Novanta. Sia i classici estoni che le opere di autori contemporanei sono stati tradotti in molte lingue.

L’inizio dell’arte teatrale professionale in Estonia è strettamente legato alla creazione del Teatro Vanemuine di Tartu nel 1870. Tallinn ha diversi teatri, tra cui il teatro lirico nazionale, un teatro giovanile e un teatro di marionette. Il festival Baltoscandal, che presenta il teatro alternativo, è iniziato a Parnu nel 1990.

Link di arte e cultura

Natura

Sebbene l’Estonia sia piccola, all’incirca come la Danimarca o l’Olanda, il paese ha una frazione della sua popolazione – circa 1,3 milioni di abitanti. Circa il 50% del territorio è boscoso, e le torbiere ne coprono un altro pezzo; questo non lascia molto spazio alle persone, ma significa più spazio per la fauna selvatica!

A partire dall’inizio del XX secolo, quando un solo amante della natura ha iniziato a proteggere gli uccelli e a migliorare le loro condizioni di riproduzione su piccole isole al largo della costa occidentale, l’Estonia ha continuamente ampliato i suoi parchi, le riserve naturali e la protezione di singoli alberi, paludi, comunità di prati, foreste, laghi e paesaggi unici. Infatti, è uno dei pochi paesi europei ad aver riconosciuto ufficialmente e progressivamente riconosciuto i forti legami tra le specie e i loro habitat, agendo per renderli più resistenti alle perturbazioni e alle influenze negative che ne minacciano la sopravvivenza.

Faro a Saaremaa, Estonia

Questo Stato baltico più settentrionale si trova direttamente sul Golfo di Finlandia, dalla Finlandia, a nord, confina con la Russia a est (il confine taglia il lago Peipsi, il più grande corpo idrico dell’Estonia), e con la Lettonia a sud. La maggior parte della popolazione è concentrata intorno alla capitale, Tallinn, e ad altre tre città: Tartu, Narva e Pärnu.

Gli estoni sono circondati dalla natura, e il loro lungo e stretto legame con la terra li ha spinti a valorizzarne e preservarne le molteplici forme, le diverse caratteristiche e gli abitanti.

Link alla natura

Storia

Gli estoni resistettero agli assalti di vichinghi, danesi, svedesi e russi prima del XIII secolo. Nel 1346 i danesi, che possedevano l’Estonia settentrionale, vendettero la terra ai Cavalieri Teutonici di Germania, che già possedevano Livonia (Estonia meridionale e Lettonia). I Cavalieri Teutonici ridussero gli estoni in schiavitù. Nel 1526, gli Svedesi presero il potere e il potere della classe dei proprietari terrieri tedeschi (Balt) fu ridotto. Ma dopo il 1721, quando la Russia succedette alla Svezia come potere dominante sotto la Pace di Nystad, gli estoni furono soggetti a una doppia schiavitù: i Balt e gli zaristi.

L’oppressione durò fino agli ultimi mesi della prima guerra mondiale, quando l’Estonia raggiunse finalmente l’indipendenza dopo una guerra vittoriosa (1918-1920). Ma poco dopo l’inizio della Seconda Guerra Mondiale, la nazione fu occupata dalle truppe russe e incorporata come sedicesima repubblica dell’URSS nel 1940. La Germania occupò la nazione dal 1941 al 1944, quando fu ripresa dai sovietici.

Panorama di Tallinn, Estonia

Link alla storia

Il governo e l’economia in Stonia

Il Governo della Repubblica è nominato dal Presidente entro 3 giorni dal ricevimento del rispettivo mandato del Riigikogu o dopo che il candidato a Primo Ministro istituito dal Riigikogu gli ha presentato la composizione del governo.

Secondo la Costituzione, il Governo della Repubblica dirige e coordina le attività delle istituzioni governative. Le istituzioni governative comprendono i ministeri, la Cancelleria di Stato e i governi delle contee, nonché le amministrazioni e gli ispettorati e le loro istituzioni locali autorizzate a rappresentare il potere esecutivo dello Stato.

Ci sono 11 ministeri in Estonia. Ogni ministero svolge i compiti derivanti dalla legge e assegnati dal Governo della Repubblica, ed è l’istituzione superiore alle amministrazioni, agli ispettorati e alle altre organizzazioni statali sotto la sua giurisdizione. Le giurisdizioni dei ministeri sono stabilite dal Riigikogu ai sensi della legge sul governo della Repubblica.

Dalla riconquista dell’indipendenza nel 1991, l’Estonia ha avuto 16 governi, tutti governi di coalizione composti da rappresentanti di molti partiti politici. Ci sono 12 partiti in Estonia. Il più grande di essi, Keskerakond, Reformierakond, Isamaa, Sotsiaaldemokraatlik Erakond e Eestimaa Konservatiivne Rahvaerakond sono stati anche i membri della coalizione in diverse combinazioni.

I principali obiettivi economici estoni sono stati fissati nella strategia di competitività “Estonia 2020” adottata nel 2013. Gli obiettivi stabiliti nella strategia sono conformi agli obiettivi della strategia Europa 2020 concordati dai Paesi dell’Unione Europea e alle responsabilità che l’Estonia ha nell’ambito del Patto Euro Plus concordato al Consiglio Europeo del marzo 2011.

L’Estonia 2020 è stata costruita su due problemi centrali: la diminuzione della popolazione in età lavorativa e prodotti e servizi relativamente economici. L’ulteriore sviluppo dell’economia estone dipende dall’efficienza con cui il Paese riuscirà ad affrontare questi problemi.

Tenendo presente la crescita futura, l’Estonia ha fissato due obiettivi principali per il piano di riforma “Estonia 2020”:

  • Ottenere una rapida crescita della produttività sia attraverso una maggiore intensità di capitale sia attraverso la fornitura di prodotti e servizi a più alto valore aggiunto,
  • Ripristinare l’alto livello di occupazione pre-crisi economica.

Inoltre, la strategia prevedeva altri 15 obiettivi, suddivisi in quattro aree:

  • Persone istruite e una società coesa
  • Un ambiente commerciale competitivo
  • Economia ed energia rispettose dell’ambiente
  • Uno stato sostenibile e adattivo

Una delle priorità di tutti i governi è stata la promozione dell’istruzione e della ricerca.

Secondo Statistics Estonia, nel 2017 il prodotto interno lordo (PIL) dell’Estonia è aumentato del 4,9% rispetto al 2016.

Nel 2017, il PIL a prezzi correnti era di 23 miliardi di euro.

Nel 2017, la crescita economica estone è stata la più rapida degli ultimi tre anni. I maggiori contribuenti alla crescita, che ha coinvolto la maggior parte dei settori, sono stati l’edilizia, l’informazione e la comunicazione, nonché le attività professionali, scientifiche e tecniche. Nel corso dell’anno è aumentato anche il contributo dell’industria di trasformazione alla crescita economica. Nel complesso, nel corso dell’anno, nessuno dei settori ha frenato la crescita economica.

Economia di Estonia

Più paesi in Europa:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi